Films che raccontano le tante sfumature del rapporto genitori figli

Tra le tante pellicole che narrano del rapporto tra madre/padre e figli, di seguito trovate quelle che più mi hanno commosso, per diversi motivi. Si, preparate i fazzoletti……

1. Kill Bill volume 1 (2003), volume 2 (2004) – regia di Quentin Tarantino

Parto forte, lo so. Tralasciando la violenza che accompagna tutto il film (il regista e’ pur sempre Tarantino) vorrei porre l’attenzione sull’aspetto più materno della protagonista. Il filo conduttore dei due volumi e’ infatti, il desiderio di vendetta di Beatrix Kiddo verso Bill: è proprio lui, in seguito al pestaggio assieme agli altri componenti della gang, ad aver provocato il coma dal quale si e’ risvegliata. Certa di aver perso il bambino che aspettava proprio da Bill, determinata a raggiungere il suo obiettivo, nulla la fermerà. Una volta giunta all’appartamento dove si trova Bill, scopre che la figlia B.B. e’ viva. Alla vista della figlia, la spietata guerriera scoppia a piangere per la prima volta . Luminosa come non lo e’ mai stata nei due volumi (visibile dall’abbigliamento e dal make up) si lascia andare alle emozioni e alla tenerezza con la bambina. Ucciso Bill e finalmente ricongiunta con B.B, la scena finale ci propone una Beatrix, in preda al riso e al pianto recitando più volte la parola “grazie”.

La leonessa si e’ ricongiunta con il suo cucciolo e tutto va bene nella giungla.

Kill Bill – volume 2

2. La pazza gioia (2016) – regia di Paolo Virzì

L’amicizia nata tra due donne, Donatella e Beatrice, all’interno di una casa di cura per malati mentali le porterà a vivere una fuga per darsi “alla pazza gioia”. Durante la loro fuga on the road, saranno l’una la cura dell’altra. La tenerezza e la disperazione di Donatella, per non essere in grado di prendersi cura del figlio, e’ semplicemente commovente. In una delle scene finali, Donatella incontra il suo bambino sulla spiaggia di Viareggio. Durante un bagno in mare, gli promette di rincontrarlo dopo che si sara’ fatta curare. In pace con se stessa, raggiungerà l’amica nella casa di cura.

” Sono nata triste. Depressione maggiore, hanno detto”.

“Dice che sto troppo male per tenere il bimbo… che mi curate levandomelo?”

Donatella.

3. Girls (2018) – regia di Lukas Dhont

Tema delicato che viene raccontato in modo elegante e dolcissimo. Dolcissimo come il papà (la madre non viene menzionata e non compare mai nel film) che accompagnerà sostenendo con determinazione Lara la protagonista, una fanciulla nata nel corpo di un ragazzo, nel suo percorso di trasformazione.

4. Jojo Rabbit (2019) – regia di Taika Waititi

Gli insegnamenti e i valori che una madre, Rosie, tenta di lasciare in eredita’ al proprio figlio, Jojo, narrati con un filo ironico durante un periodo drammatico della nostra storia moderna.

” Dobbiamo ballare, per dimostrare a Dio che siamo liberi”

” L’amore e’ la cosa più forte del mondo”

“Quale sara’ la prima cosa che farai, quando sarai libera? …Ballare!”. (colonna sonora – Heroes, David Bowie – 1977)

Qualunque sia il vostro film preferito, buon cinema a tutti!

Lascia un commento